Frisone


Fresian o Frisone Occidentale

Il Frisone vanta una origine molto antica, le prime testimonianze su questa razza,vengono dai romani, che lo scoprirono quando l’impero si espanse fino alla costa nord atlantica d’ Europa

Fresian spettacolare ed imponente

Cavallo Frisone – foto da funwebtest.epfl.ch

Origini

Il Frisone è un cavallo nativo della Frisia, provincia del nord dei Paesi Bassi – Olanda -, più esattamente è originario dall’Isole Frisone, questo cavallo è noto anche come Frisone Occidentale o Hard-draver (forte trottatore). Si  differenzia dall’altro Frisone Orientale, quello tedesco, non solo per la provenienza ma sopratutto per i tratti morfolofici che differiscono totalmente dal Friesian.

Il Frisone vanta di una origine molto antica, le prime testimonianze su questa razza,vengono dai romani, che lo scoprirono quando l’impero si espanse fino alla costa nord atlantica d’ Europa. L’aspetto del Frisone a quei tempi era diverso, adibito al lavoro pesante la sua corporatura era sgraziata e pesante, ma fortunatamente le esigenze dell’uomo nel tempo cambiarono e così anche l’aspetto del Frisone.
Partendo dal medioevo fu apprezzato dai cavalieri, per la forza e la capacità di sostenere con disinvoltura le pesanti armature e per la velocità e l’agilità con cui si muoveva sui campi di guerra.
Evolute le armature il passaggio da cavallo da guerra a cavallo da carrozza fu breve. Ingentilito e alleggerito con il sangue arabo e andaluso, al tempo delle crociate, il Frisone fu utilizzato dai nobili come elegante cavallo da tiro leggero e da sella fino al 1700.
In seguito, nel XIX secolo in Europa prese piede la moda delle corse al trotto, e proprio per il suo trotto rapido ed allungato, che il Frisone venne introdotto nelle competizioni dove ottenne eccellenti risultati.
La richiesta di avere un cavallo atletico spinse gli allevatori a prediligere una linea più leggera, ciò a discapito della purezza dei soggetti. Tanto è vero che la razza rischiò di estinguersi, non solo per l’apporto di altre linee di sangue ma anche per l’importazione dei cavalli da trotto americani che fece dimenticare velocemente il Frisone.
Fortunatamente nel 1879 un gruppo di allevatori olandesi fondò la “Koninklijke Vereniging Het Friesch Paarden Stamboek” allo scopo di preservare e proteggere l’originale linea di sangue della razza.
Inizialmente Studbook Society – Paardenstamboek, fu pubblicato nel 1880 – istituì due registri nei quali i Frisoni furono iscritti nel Book “ A”, e gli altri cavalli a sangue freddo, inclusi gli incroci, gli Oldenburghesi nel Book “B”.
Seguì nel 1906 la fusione dei registri e nel 1907 lo Studbook venne rinominato Friesch Paarden Stamboek (FPS). Il registro conteneva sia stalloni frisoni che oldenburg, razza quest’ultima che fu impiegata per migliorare il cavallo frisone.
Nonostante i tentativi di salvaguardare la razza, nel 1913 rimasero soli tre importanti stalloni; l’intervento tempestivo di un gruppo di allevatori, che misero a disposizione le loro fattrici, fu determinante per la sopravivenza della razza frisona.
Superate le crisi legate ai conflitti mondiali, per tutelare il cavallo Frisone, nel 1954, fu fondata una nuova associazione, che si fregiò dell’appellativo di “Reale”, titolo insignito dalla Regina Vittoria.

Il Frisone oggi

Oggi esistono 3 moderne linee di sangue derivanti dagli stalloni: TETMAN 205, AGE 168 e RITSKE 202.
Tutti questi stalloni discendono da PAULUS 121, nato nel 1913 ed entrato nello Studbook nel 1916.
Oggi il Frisone è considerato un cavallo molto versatile, utilizzato sia in Europa che negli Stati Uniti oltre che per gli attacchi, dove eccelle grazie alle sue andature naturalmente molto rilevate, anche per le passeggiate grazie alla sua indole particolarmente tranquilla, e nella disciplina del dressage, dove ottiene consensi per la sua grazia e per i suoi splendidi movimenti.
Il suo aspetto elegante, il colore nero e il suo dolce temperamento lo hanno reso inoltre celebre nell’industria cinematografica, a partire dal 1985 con il film “Ladyhawke” fino ai più recenti “Eragon”, “La maschera di Zorro” e “Alexander”. Anche negli spettacoli equestri il Frisone si impone come star, vedi per esempio lo spettacolo di Baudino con il suo splendido Tjord. – inserisci foto

Caratteristiche morfologiche

Esistono tre distinti tipi di conformazione,:
– Moderno: alleggerito nelle forme e con movimenti adatti agli sport equestri, Dressage;
– Barocco: imponente, con ciuffi e crini foltissimi, movimenti solenni da parata, poco adatto agli sport equestri, ottimo per la Monta Classica e di Alta Scuola;
– Carrozziere: con movimenti tipici da trottatore, difficilmente utilizzabile da sella.
L’allevamento di oggi si concentra maggiormente sulla conformazione di tipo moderno, selezionando cavalli agili e adatti agli sport equestri – principalmente dressage e attacchi – a discapito, purtroppo, del tipo più pesante da guerra che rimane comunque di impareggiabile fascino.
Nelle gare morfologiche il tipo di conformazione è giudicato meno importante rispetto ad un corretto movimento.

Scheda

  • Tipo: meso-brachimorfo.
  • Altezza al garrese:  155 – 170 cm.- alcuni soggetti  possono arrivare all’altezza di 1,75 mt.
  • Peso medio: 550 kg
  • Testa stretta e slanciata “tipo spagnolo”.
  • Collo lungo, elegante, muscoloso e ben arcuato
  • Spalle inclinate e assai potenti,
  • Corpo possente e compatto con quarti posteriori forti e inclinati e bassa attaccatura della coda.
  • Gambe dall’ossatura molto solida, caratteristica tipica della razza è lo stinco coperto da lunghi peli che arrivano fino quasi a terra nascondendo completamente lo zoccolo.
  • Zoccoli duri di corno blu’, sono particolarmente solidi e ben conformati.
  • Mantello assolutamente morello, la stella in fronte, piuttosto rara, è la sola marcatura ammessa

Qualità

Il Frisone ha la cavalcatura ideale per qualsiasi cavaliere, oltre che per la sua indiscussa bellezza, soprattutto per la spiccata intelligenza e l’innata docilità.
Un’importante caratteristica di questo stupendo animale è la grande facilità di apprendimento che accorcia notevolmente il periodo dell’addestramento.
Le condizioni ambientali delle zone di origine del Frisone hanno contribuito a plasmare un soggetto particolarmente frugale, sobrio e robusto, capace di sopportare grandi fatiche in qualunque condizione atmosferica.

Influenza della Razza

Il Frisone è stato utilizzato per migliorare le razze sia da tiro leggero che da sella, come il Trottatore Orlov, il Norfolk (antenato dell’Hackney) il Morgan, l’Hacney e l’Oldemburg, ma anche per le razze da tiro pesante, vedi  il Wurttemberg, lo Shire e il Dole Gudbransdal.

Associazione Friesian Horse
fonte: http://www.equitando.com/?location=Razze%20equine&tema=Frisone

2 thoughts on “Frisone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: