Trasporti e “viaggi”


E quando organizzeremo una vacanza con il nostro amico equino, come dovremo comportarci?

Be’, ci sono delle formalità da rispettare, per essere in regola con la normativa in vigore ed essere certi che il nostro amico possa viaggiare comodamente ed in perfetta sicurezza.

Per ciò che riguarda la burocrazia, che naturalmente pretende un contributo, durante ogni spostamento devono essere compilati alcuni documenti, ovvero la dichiarazione di provenienza e di destinazione dell’equino, compilata inserendo i dati del “proprietario”, il codice della scuderia di partenza e la sede unitamente al codice e all’indirizzo della stalla nella quale prevediamo di ricoverare il nostro fiero amico. Tutto ciò unitamente a tante altre informazioni, quali la targa del van, i dati del conducente e così via. Come noto, l’amico equino è in possesso del suo passaporto, che lo deve accompagnare ovunque.

Detto questo, dobbiamo anche ricordare che i nostri amici son sì fieri, ma non amano spostarsi e mal volentieri accettano novità che prevedono viaggi con mezzi angusti, come sono ad esempio i trailer, stretti, senza vie di fuga, bui, rumorosi e scivolosi. Ovviamente, se decidiamo di spostarci insieme al nostro equino, dobbiamo far sì che tutto si svolga al meglio perché se il nostro amico si spaventa ed elabora un brutto ricordo del suo ultimo viaggio, be’, sarà sempre più difficile convincerlo a farne altri. I mezzi di trasporto più utilizzati sono il trailer ed il van. Il primo è sicuramente più economico, ma meno stabile poiché si tratta di un rimorchio, per cui le manovre sono meno agevoli, la capienza è limitata ad uno o due animali ed è necessario conseguire una specifica patente per poterlo condurre (patente B-e). Il van è invece dotato di maggiore spazio e di comodità notevoli, quali ad esempio dei vani per riporre attrezzature, fieno, finimenti e tanto altro.
Tradizionalmente si dividono in Van all’italiana (dove il cavallo viaggia parallelo al senso di marcia) o alla francese (perpendicolare alla direzione).
Prima di partire, quale che sia il mezzo che abbiamo scelto, ricordiamoci di disinfettare il mezzo e di rivestirlo con materiale morbido e che non graffi le parti sporgenti che possono essere al suo interno, ovviamente per evitare che l’equino possa contrarre infezioni o malattie o che si ferisca. Per questo è sempre bene verificare, al momento dell’acquisto o del noleggio, che il pavimento sia stabile ed antisdrucciolo. Devono essere presenti, inoltre, pareti mobili separatorie e, in generale, l’interno deve essere illuminato e ben areato. Non vogliamo che il nostro amico sia stressato dal viaggio e che soffra eccessivamente l’inevitabile caldo che si svilupperà nel tempo. Altri elementi importanti sono: la presenza di una porta di accesso laterale per agevolare le operazioni di controllo, una rampa stabile, una telecamera di sorveglianza.
Dobbiamo anche ricordarci, e lo faremo di sicuro, di tranquillizzare in nostro amico equino. Per fare questo, ricordiamoci innanzi tutto di non dargli da mangiare poco prima di partire e di fermarci spesso, nei viaggi lunghi, per permettergli di bere, di soddisfare le due esigenze fisiologiche, passeggiare un po’, brucare .. insomma, facciamolo rilassare. Ricordiamoci anche che è sempre meglio prevenire piuttosto che curare, quindi equipaggiamo il nostro equino con paracolpi e paracoda da viaggio, sottofasce con sopra delle fasce da riposo e qualsiasi altra cosa che riteniamo utile, senza esagerare tuttavia. Se lo copriamo troppo, suderà e potrebbe raffreddarsi. Quando il nostro amico equino è molto agitato, si può ricorrere alla somministrazione di un sedativo, ma in tutta franchezza è questa un intervento che andrebbe riservato unicamente ad equini effettivamente molto agitati. Ultimo fattore, ma non per importanza, è necessario che la guida sia priva di frenate o accelerate brusche, deve essere molto dolce, lenta e senza scossoni: il cavallo deve continuamente ripristinare il suo equilibrio e solo una guida di un certo tipo non renderà il viaggio traumatico. Ricordiamoci inoltre che guidare con prudenza non solo eviterà pericoli a noi, ma anche al nostro amico, che non dovrà preoccuparsi, per tutti il viaggio, di cercare continuamente di mantenere l’equilibrio.
Anche l’operazione di carico dell’equino non è agevole, anzi, probabilmente è l’elemento più difficile.
Non tutti i cavalli reagiscono allo stesso modo e l’operazione necessita di calma e pazienza, in caso contrario non faremo che aumentare l’agitazione del nostro fiero equino e non avremo nessun risultato.
Diffidate, dunque, dai tanti personaggi che pretendono di forzare l’equino con metodi sbrigativi e violenti. Anzi, tenete presente che più le persone utilizzano le maniere forti e più dimostrano di non essere capaci e competenti e devono essere evitate perché pericolose per il benessere dell’equino e per la nostra bile!
Quindi, armandoci con calma e pazienza, possiamo salire, senza pressioni e senza guardarlo, per invitarlo a seguirci, ovvero potremmo “tentarlo” con un bel po’ di mangime o di carote da porre in fondo al van. Come spesso suggerito, è anche utile ricoprire la rampa con della paglia, sì da attutire i rumori che il passaggio provoca.
Se ancora non è sufficiente, una seconda persona legherà una longia ad un estremo della rampa e passerà dietro al cavallo toccando leggermente il posteriore. Sentendo la leggera pressione il cavallo dovrebbe muoversi in avanti, sfruttiamo il momento e carichiamo. Ma attenzione, perché proprio durante questo tipo di operazioni possiamo accorgerci di come tante persone rozze ed incompetenti millantino le loro capacità, e per evitare di essere testimoni di urla di ira e di gesti violenti, se proprio dobbiamo farci aiutare, ricordiamoci di pretendere sempre calma e lentezza. Urlare, usare scope o pali di legno non serve a niente se non a irritare ed impaurire ulteriormente il cavallo, così come assolutamente sciocco è cercare di alzare le gambe dell’equino per indurlo a salire.
Abituiamoci, dunque, ad abituare il nostro amico a viaggiare, con calma, passione e perseveranza, sicché un equino cavallo abituato a viaggiare sarà anche contento di farlo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: