Cavallo Magazine – Anemia infettiva, Ihp presenterà un esposto


Cavallo Magazine – Anemia infettiva, Ihp presenterà un esposto.

L’Italian Horse Protection (IHP) ha appena presentato un esposto affinchè vengano puniti i responsabili dei reati connessi, tra gli altri, con l’illegittimo sequestro sanitario della cavalla di nome Rocket decretata positiva all’Anemia Infettiva Equina nonostante i test di riferimento abbiano avuto esito negativo.

Forse molti ricorderanno di Rocket, cavalla sotto sequestro sanitario dal 7 agosto 2010 costretta a vivere in condizioni non compatibili con la natura etologica degli equidi perché nonostante ben due test di Coggins negativi (unico test di riferimento in tutto il mondo, Italia compresa, per l’Anemia Infettiva Equina) le è stato fatto un test non autorizzato, per cui il laboratorio dell’IZS competente non è accreditato e per il quale non esistono in Europa anticorpi specifici atti alla valutazione dei risultati, che ha dato esito positivo.

IHP si è mossa sin dall’estate del 2010 per tentare di risolvere la questione in via bonaria ritenendo che dietro a tutto ciò ci fosse solo un errore del laboratorio. Errore grave per un laboratorio che è il Centro di Referenza Nazionale per l’Anemia Infettiva Equina, ma tutto sommato risolvibile; bastava ammetterlo e procedere al dissequestro. Invece l’Associazione si è scontrata con un muro.

Grazie ad un inchiesta pubblicata lo scorso aprile su Repubblica IHP è venuta a conoscenza di quella che potrebbe essere una realtà diversa. Ecco la testimonianza ricevuta da “La Repubblica” di un proprietario di una mula (Marisa) anch’essa decretata positiva all’AIE sulla base dello stesso test non previsto dalla normativa vigente ed effettuato dallo stesso laboratorio in cui sono stati effettuati i test su Rocket.

“Ho comprato Marisa e altri muli in Abruzzo nel 2006, negativa. A casa, un anno e mezzo dopo, me la trovano positiva. Fra me e mio cugino abbiamo dovuto macellare dieci animali, belli e in salute. Pagati 4mila euro l’uno, quando il mattatoio te ne dà 100. Per due mule positive, Marisa e Monica, fui contattato dal dr. Autorino [direttore del Centro di Referenza Nazionale per l’Anemia Infettiva Equina] attraverso la Asl di Arsoli. Mi offrì 300 euro ciascuna se le cedevo alla sperimentazione. Accettai.”

A quanto risulta alla giornalista che ha condotto l’inchiesta si tratterebbe di un progetto finanziato dallo stesso Ministero della Sanità presso l’azienda Le Scalette ad Aprilia, che coinvolse 11 muli. Secondo quanto il dr Autorino ha riferito alla stessa giornalista i muli su cui è stata effettuata la sperimentazione sono stati poi macellati in barba, tra l’altro, alla normativa vigente sugli animali destinati alla sperimentazione. Da qui la decisione di IHP di rimettere il tutto nelle mani della Magistratura.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: