Cavalli famosi – Pieraz Cryozootech Stallion


Pieraz Cryozootech Stallion, questo il nome del puledro per esteso, è stato partorito il 25 febbraio 2005 da Pioggia, cavalla di razza avellinese delle scuderie di Galli. Alla nascita pesava 42 chilogrammi. È stato creato partendo dalle cellule prelevate dalla pelle del suo originale, che si chiama anche lui “Pieraz e vive negli Usa”, ha spiegato Galli. Ora, il cavallo replicato, è in pensione, ma vanta una carriera di tutto rispetto: “Nel 1994 e nel 1996 è stato due volte campione del mondo nella sua categoria, la corsa endurance. Ed essendo castrato per motivi agonistici, come tutti i cavalli campioni, non poteva riprodursi per vie naturali”. Pieraz II è il frutto della collaborazione con l’azienda francese Cryozootech (Ciz), che ha messo a disposizione del laboratorio di Galli le cellule necessarie alla clonazione. Sul costo dell’operazione lo specialista vuole mantenere il riserbo. Ma è certo che nel destino del piccolo Pieraz non ci saranno né corse né medaglie: “L’animale non è stato prodotto per fini sportivi, bensì per migliorare la specie”.
I cavalli campioni sono infatti “gli esemplari migliori”, ha sottolineato Galli. E non potendo fare figli perchè castrati, la clonazione è “l’unico modo per avere la speranza di tramandarne la perfezione genetica”. L’azienda francese, quindi, utilizzerà Pieraz II “per scopi riproduttivi”. Anche perchè non è detto che il clone di un cavallo campione sia capace delle stesse performance atletiche del suo originale. “Per diventare un campione le caratteristiche genetiche non sarebbero sufficienti – ha infatti puntualizzato l’esperto – Pesano molto l’ambiente, l’alimentazione e il tipo di allenamento”. Oggi a Cremona c’era anche Prometea, il primo cavallo al mondo clonato e partorito dal suo originale Stella Cometa. La puledrina, di razza avelliniese, marrone con una macchia bianca a forma di stella sulla fronte, compirà due anni il prossimo 28 maggio. “Ed è in condizioni fisiche perfette”, ha assicurato Galli, esibendola ai giornalisti

“Tenendo conto che la vita media di un cavallo si aggira intorno ai 15-18 anni, è presto per dire che Prometea non avrà alcun problema di salute – ha ammesso l’esperto – Ma siamo più che ottimisti, considerando che finora non ha avuto mai bisogno di un solo farmaco”. Non è la prima volta che Galli produce una copia di cavallo campione. Il primo esemplare era nato a settembre, ma era morto due giorni dopo a causa di un’infezione. “E gli esperimenti continuano, anche se per quest’anno non ce ne sono in programma altri”, ha concluso.
Advertisements
Contrassegnato da tag , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: