Cavalli famosi: Babieca


Uno dei piu’ importanti eroi del cristianesimo fu Ruy (o Rodrigo) Diaz de Bivar, che guido’ la Reconquista, la serie di guerre che pose fine a 700 anni di occupazione moresca della penisola iberica.

Ruy Diaz, universalmente noto come El Cid, o El Campeador, nacque verso il 1040 a Vivar, un paese della Castiglia vicino a Burgos.Spietato soldato di professione, passo’ alla leggenda come eroe,il salvatore del suo paese.Le sue imprese sono celebrate in un’epopea del XII secolo,Cantar de mio Cid, seguito da Cronica Particular del Cid,(1512), che raccontano sia dell’uomo , sia di Babieca , il cavallo bianco su cui combatté per trent’anni.

Il cavallo era un dono del padrino di El Cid,un prete chiamato Peyre Pringos (“Pierino Grasso”). Questi poté offrire al giovane una scelta dei migliori puledri, poichè i monasteri spagnoli, come quello dei certosini a Jerez de la Frontera, erano per tradizione impegnati nell’allevamento dei cavalli. Il ragazzo scelse un animale particolarmente immaturo e insignificante,facendo esclamare all’esasperato prete:”Babieca”(stupido), il nome con cui il cavallo divenne famoso.Ideale destriero da battaglia, Babieca apparteneva alla razza oggi nota come andaluso. Anche se piuttosto massiccio, probabilmente non superava i 152 cm.

Era assai reattivo, agile e pieno di brio escondido, che gli dava ardore e coraggio. El Cid mori’ nel 1099 a Valencia, durante l’assedio. La notizia della sua morte avrebbe inferto un duro colpo al morale delle truppe e ridato coraggio al nemico; si stabili’ percio`di legare alla sella di Babieca il suo corpo armato di tutto punto, con lo scudo al suo posto e la spada nella mano senza vita. A mezzanotte venne fatto uscire dalla città , verso il campo dei mori , alla testa dei suoi cavalieri.

Questi erano tutti vestiti di bianco e portavano bandiere del medesimo colore, eil viso di El Cid resplendeva, attraverso la visiera aperta dell’elmo, di una “luce soprannaturale”. L’apparizione spettrale sul cavallo bianchissimo, lanciato al piccolo galoppo davanti ai ranghi silenziosi, fece fuggire i mori gridando che El Cid era tornato dal regno dei morti. Gli spagnoli li inseguirono senza concedere una tregua. El Cid fu sepolto nel monastero di San Pedro de Cardena, vicino a Burgos, ma in seguito il suo corpo fu trasferito nella cattedrale di Burgos.

Babieca non venne piu’ cavalcato e mori due anni dopo, a quarant’anni.

fonte: http://didasinclair.blogspot.com/search/label/cavalli%20famosi

Advertisements
Contrassegnato da tag , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: